Circoncisione: Anestesia

La procedura di circoncisione è in intervento chirurgico di breve durata e poco cruento. La realizzazione dello stesso con il supporto del laser lo rende ancor meno invasivo. La tecnica anestesiologica indicata è quella dell’ anestesia locale con sedazione modulata. In pratica si tratta di infiltrare il farmaco anestetico direttamente alla base del pene in maniera tale da controllare efficacemente il dolore durante l’operazione. Il farmaco impiegato presso la nostra struttura è la carbocaina. Per evitare che il paziente sia vigile durante l’ intervento viene somministrato una sedazione endovenosa che – a seconda del grado di “tensione” dello stesso – può essere più o meno profonda.

Questa tecnica anestesiologica è biologicamente meno invasiva e rischiosa rispetto all’ anestesia generale. Permette di operare senza dover intubare il paziente, il quale ha una ripresa immediata dopo la fine dell’ intervento. Il paziente dopo un paio d’ore di osservazione post operatoria può tornare a casa in tutta sicurezza con l’accorgimento di essere accompagnato da qualcuno in quanto i farmaci sedativi possono dare un senso di ebrezza.

Un effetto molto gradito dell’ anestesia locale è l’ analgesia prolungata della parte trattata. In effetti la zone operata rimane per qualche ora sotto l’effetto analgesico dei farmaci e quindi in assenza totale di dolore. Nelle ore successive a seconda della soglia del dolore il paziente potrà assumere un normale farmaco analgesico.