Parafimosi

La parafimosi è una malattia dei genitali maschili che consiste nello strozzamento dell’ anello fimotico a carico del glande causato durante l’erezione. In caso di parafimosi il prepuzio non è in grado di ritornare allo stati iniziale. La situazione deve essere curata immediatamente per evitare conseguenze molto gravi.

I soggetti circoncisi ovviamente non possono essere soggetti a parafimosi e quindi la circoncisione è indicata per i pazienti che hanno questa malattia.

La parafimosi è spesso conseguenza di una fimosi severa non curata. La fimosi è caratterizzata dalla difficoltà nello scorrimento del prepuzio per scoprire il glande. Durante l’erezione è possibile che il prepuzio scorra forzatamente e che quindi strangoli il glande non rendendo possibile il normale deflusso sanguineo. La formazione di edema che segue allo strangolamento rende la situazione ancor più difficile. Se sono si agisce immediatamente la situazione potrebbe peggiorare causando  stasi venosa o cancrena.

 

Cause della parafimosi

La causa di questa malattia è legata alle modificazioni fimotiche del prepuzio e alla meccanica dell’ erezione del pene. La causa della parafimosi va quindi ricercata nelle cause della fimosi che è normalmente dovuta a infiammazioni o infezioni recidive del glande e/o prepuzio.

Sintomi della parafimosi

L’ infiammazione (balaniti, postiti, balanopostiti) è la caratteristica più frequente nei soggetti che soffrono di parafimosi. La sintomatologia di questi processi infiammatori – se ricorrenti – tende a peggiorare provocando all’ inizio strozzamenti di gravità crescente.

Diagnosi e terapia della parafimosi

Il paziente soggetto a questa patologia non è in grado di riportare il prepuzio alla posizione di riposo. È necessario rivolgersi urgentemente ad una struttura medica d’ emergenza (pronto soccorso). Posticipare la corretta terapia potrebbe portare a conseguenze gravissime.

L’ assistenza d’ urgenza consiste nel drenaggio del gonfiore dal prepuzio e la conseguente terapia clinica. In casi complessi potrà essere eseguita la circoncisione immediata.

Nei soggetti con episodi di parafimosi è altamente consigliabile la circoncisione in una fase non acuta per permettere al chirurgo di procedere non in emergenza e con una situazione anatomica normale.