Balanopostite: Cos’é?

La balanopostite è una condizione clinica infiammatoria / infettiva della superficie del glande (balano) e del foglietto interno del prepuzio. Se l’infiammazione interessa esclusivamente la superficie del glande la condizione è chiamata balanite. Se l’infiammazione si sviluppa solamente nella cute del prepuzio la condizione si chiama postite.

La patologia è spesso sottovalutata per cui il paziente – non portando la cura effettivamente a termine – è soggetto a frequenti recidive.

Cause della balanopostite

La patologia a cause multifattoriali e spesso non è semplice individuare la causa principale. Dal punto di vista anatomico la balanopostite può essere indotta dalla conformazione del prepuzio che si presenta in maniera tale da non permettere una adeguata igiene del pene permettendo la crescita di batteri tra il glande e il foglietto prepuziale con conseguente infiammazione che può degenerare in infezione e necrosi.

Altre possibili cause della balanopostite sono:

  • Infezione da Candida albicans (infezione da funghi del genere Candida)
  • Diuretrite da Clamidia (infezione da batteri Chlamydia trachomatis, trasmessa con rapporto sessuale o per via materno-fetale)
  • Tricomoniasi (malattia infettiva, causata da parassiti Trichomonas)
  • Herpes simplex (specie di virus della famiglia degli Herpesviridae)
  • Gonorrea (malattia da infezione batterica a trasmissione sessuale)
  • Sifilide (malattia infettiva sessualmente trasmissibile causata dal batterio Treponema pallidum)
  • Scabbia (malattia causa da parassita Sarcoptes scabiei)

La balanopostite è favorita da alcuni fattori predisponenti quali psoriasi (malattia infiammatoria cronica della pelle), lichen planus (malattia mucocutanea di origine immunitaria), dermatite seborroica , eritemi iatrogeni (causati da farmaci) e altre. La balanopostite in alcuni casi potrebbe essere anche conseguenza di diabete.

Sintomi della balanopostite

La patologia è caratterizzata dalla presenza di eritema (irritazione cutanea degli strati esterni della pelle con arrossamento determinato dall’aumentato afflusso di sangue), prurito, edema (gonfiore dovuto dall’accumulo di liquidi negli spazi interstiziali), irritazione, dolore, macerazione cutanea, fimosi (impossibilità di scorrere il prepuzio), formazione di micro vescicol e disuria. La balanopostite all’inizio presenta lesioni vescico-pustolose.

Tipi di balanopostite

La patologia può essere classificata in funzione del fattore scatenante:

Balanopostite allergica: Patologia dovuta a dermatite da contatto (piercing, lattice del preservativo), cosmetici o sostanze farmaceutiche utilizzate sui genitali.

Balanopostite irritante: Patologia dovuta all’uso di farmaci ad uso topico, detergenti troppo aggressivi, ecc. L’ eccessiva frequenza dei rapporti sessuali con la formazione di microtraumi può causare la balanopostite.

Balanopostite micotica: Patologia dovuta alla presenza di Candida albicans.

Balanopostite immunologica: Patologia dovuta ad un quadro clinico immunologico particolare.

Balanopostite infettiva: Patologia dovuta alla presenza di batteri o virus

Balanopostite protozoaria: Patologia dovuta alla presenza di Trichomonas.

Balanopostite iatrogena: Patologia dovuta all’uso smodato di farmaci

Balanopostite mista: Patologia dovuta a due o più fattori dell’elenco

Cura della balanopostite

La cura della patologia dev’essere specifica in relazione alla causa scatenante. Deve quindi essere determinata dopo aver verificato il tipo di balanopostite (infettiva, infiammatoria, irritante o allergica). E’ consigliabile l’indagine batteriologica / micologica per individuare l’esatto agente da combattere. Essendo la balanopostite una malattia sessualmente trasmissibile, è opportuno che la stessa indagine venga eseguita sul partner.

La cura della balanopostite consiste in genere nella prescrizione di farmaci ad uso topico ad azione antimicrobiotica. Le creme cortisoniche sono indicate nei casi di balanopostiti causate da dermatiti da contatto.

La malattia trova la sua soluzione definitiva con l’intervento di circoncisione in quanto lo stesso elimina chirurgicamente l’ambiente nel quale si sviluppano gli agenti batterici e micotici.